statistiche web

Edizioni a stampa


Unfinished Sonata in d major

il manoscritto

Il manoscritto è conservato presso il British Museum di Londra.

Forse poco prima di partire per Vienna o forse già a Vienna, Beethoven lasciò questo lungo abbozzo per pianoforte che prefigura una Sonata con tre movimenti, un Allegro quasi completo, un Andante che lo è già un po’ meno e un Finale Allegro, assai frammentario.

more information



Si tratta di musica di alto livello e, se fosse stata completata, si potrebbe affermare che senza dubbio è quanto di più importante Beethoven aveva raggiunto, nella musica per pianoforte solo, fino a quel momento.


La domanda che sorge spontanea è dunque: perché Beethoven lo lasciò in questo stato e non lo terminò o riprese in tempi successivi, come avvenne per altre musiche? Ovviamente non si può avere alcuna risposta certa, ma non si può non notare che, se l’insieme dell’abbozzo svela un Beethoven già più avanti, musicalmente parlando, rispetto alle sue opere contemporanee di almeno 10 anni, nel Finale, assai frammentario ed instabile da un punto di vista armonico potrebbe  proiettarsi addirittura, verso i suoi massimi capolavori degli ultimi anni. Forse fu per questo motivo che l’abbozzo rimase tale: troppo prematuro per i tempi.

fonte www.lvbeethoven.it

Rondo Anhang 6

La composizione manoscritta può essere reperita assieme a quella del trio Anhang 3 e ai tre pezzi Anhang 8 in un manoscritto conservato alla British Library (Add. Ms. 31748, Bl 13-14). Kojima identificò la grafia del manoscritto della fonte londinese come quello di Kaspar Karl van Beethoven, che non solo copiò  sue composizioni, ma anche delle danze di suo fratello Ludwig (WoO 12) e quelle di un balletto di Leopold Kozeluch “La ritrovata figlia di Ottone II” già oggetto di studio sul nostro sito (Kojima / Karl van Beethoven, vedi anche le osservazioni sul trio per pianoforte, violino e violoncello Anhang 3 e i tre pezzi per pianoforte a quattro mani Anhang 8 ).

Augustinus Kojima fu in  grado di provare con questo studio del 1978 che il rondò fosse di mano di Kaspar Karl van Beethoven, ma non la paternità. Studi recenti sembrano riportarlo a Ludwig (2014). La prima edizione sotto il nome di Ludwig Van Beethoven apparve nel 1926 a “Oeuvres inedites de Beethoven” di Georges de Saint-Foix a Parigi. Prima edizione sotto il nome di Ludwig van Beethoven: 1926. Oeuvres inedites de Beethoven, pubblicazione di Georges de Saint-Foix, Parigi: E. Droz (Pubblications de la Société Francaise de Musicologie 2), pp. 28-37.

fonte www.lvbeethoven.it


more information

eight variation

Il testo a cui, secondo il titolo, apparterrebbe il tema posto a base di queste Variazioni, era stato pubblicato, con il titolo “An Solly”, nel 1775 nel periodico Iris, edito da J. G. Jacobi. Ad esso furono adattate varie melodie di carattere popolare, che il Friedländer riporta nella sua opera: Das deutsche Lied im 18 Jahrhundert, 1902, pag. 63. Ma secondo questo stesso autore il tema dell’opera di Beethoven non deriverebbe da nessuna delle melodie suddette; potrebbe piuttosto considerarsi come una variante della nota aria: “Vetter Michel” (Il cugino Michele), svolta nella forma di variazioni per cembalo da vari compositori (ibid., pag. 77), e riportata nel Musikalischer Hausschatz der Deutschen di G. M. Fink (1819, n. 86). Questa forma si avvicina molto al tema in oggetto, il quale del resto ricorda anche un po’ quello della canzone di Johann Friedrich Reichardt (1752-1819) sulle parole appunto di Gleim: “Ich habe ein kleines Hüttchen nur”.

Sia per l’inesatta indicazione dell’origine del tema che per la considerazione del debole contenuto interiore della elaborazione beethoveniana, il Friedländer affacciava qualche dubbio riguardo alla rigorosa autenticità delle Variazioni in oggetto; sull’argomento, trattandosi anche qui di un manoscritto della « successione Beethoven », pubblicato vari anni dopo la sua morte, (come quello del Rondò del soldo perduto vedi n. di cat. 162), si potrebbe oggi tornare a far congetture dello stesso genere.

fonte www.lvbeethoven.it


more information

Trio in d major 

Il Trio di Francesco Cilea è opera di un compositore non ancora ventenne.
Un capolavoro della musica cameristica italina del primo '900 legato ad atmsfere legate alla tradizione Ottocentesca con reminescenze verso il canto italiano
















 


more information

Altro

...